Canoni non pagati sui contratti di locazione. A Otranto e Leuca, Gagliano e Cavallino

Ultimi articoli
Newsletter

Otranto | Evasi 33mila 700 euro fra il 2006 e il 2010. È il risultato dei controlli incrociati

Canoni non pagati sui contratti di locazione
A Otranto e Leuca, Gagliano e Cavallino

Sette persone sono state segnalate all'Agenzia delle Entrate per il recupero dei crediti

Redazione Online

Controlli sui contratti di locazione. La Guardia di finanza al lavoro
Controlli sui contratti di locazione. La Guardia di finanza al lavoro

OTRANTO | Affittare case e non pagare le tasse. Succede spesso nel Salento. Tanto che le Fiamme Gialle leccesi, delle Compagnie di Lecce, Otranto e Leuca, hanno dovuto fare una serie di controlli incrociati per arrivare alla conclusione che sette salentini (che avevano affittato nei comuni di Otranto, Leuca, Gagliano del Capo e Cavallino) avevano omesso il pagamento delle imposte sugli immobili concessi in locazione. I contratti di locazione venivano stipulati regolarmente, ma le imposte non venivano versate, per questo sono finiti nei guai e sono stati segnalati all’Agenzia delle Entrate, che ha avviato la procedura per il loro recupero.

I militari, attraverso formali procedure, dapprima hanno acquisito presso i Comuni di competenza gli elenchi relativi alle “comunicazioni di cessione di fabbricato” e successivamente hanno richiesto ai locatari dati e notizie con riferimento al contratto di affitto ed all’ammontare del canone di locazione corrisposto. Quest’ultimo dato è stato poi in seguito confrontato con quanto indicato nelle rispettive dichiarazioni dei redditi dei proprietari degli immobili concessi in locazione.
I riscontri hanno consentito di accertare che sette proprietari di appartamenti concessi in locazione negli anni compresi fra il 2006 e il 2010 non avevano dichiarato i relativi affitti percependo i relativi canoni di locazione, per un totale di oltre 33mila e 700 euro, totalmente “in nero”.

La legge è molto chiara in disciplina di canoni di locazione immobiliare. Dispone, infatti, che tutti i contratti di locazione e affitto di beni immobili devono essere obbligatoriamente registrati, entro 30 giorni, dall’affittuario (conduttore) o dal proprietario (locatore), qualunque sia l’ammontare del canone pattuito, versando contemporaneamente le imposte dovute (registro e bollo). Se la durata del contratto non supera i 30 giorni complessivi nell’anno, non si è obbligati alla registrazione dello stesso.

Martedì 23 agosto 2011

© Riproduzione riservata

1283 visualizzazioni

Commenti
Lascia un commento

Nome:

Indirizzo email:

Sito web:

Il tuo indirizzo email è richiesto ma non verrà reso pubblico.

Commento: